Congresso ADI (Associazione degli Italianisti) 2018: tre panel connessi al gruppo di studi.

Il nostro gruppo di studi sarà ben rappresentato nel prossimo congresso ADI, con ben tre panel accettati.

La poesia italiana moderna tra utopia e distopia (Gruppo di studi Eterodossie e dissenso nella letteratura italiana).
Coordina Antonello Fabio Caterino, Università del Molise antonello.caterino@unimol.it

«Perché non solo la siepe è comprata ma lo stesso infinito»: il conflitto natura-società nel Novecento tra scrittura saggistica e opera di finzione (Gruppo di studi Eterodossie e dissenso nella letteratura italiana). 
Coordina Elisiana Fratocchi, Università di Roma La Sapienza elisiana.fratocchi@uniroma1.it

Il topos della ‘rustica povertà’ nella letteratura moderna e contemporanea (Gruppo di lavoro Eterodossie e dissenso nella letteratura italiana). 
Coordina Francesca Favaro, Università di Padova france.favaro@gmail.com; francesca.favaro@unipd.it

Trovate ogni altra informazione utile al link seguente: http://www.italianisti.it/Congressi-Adi?pg=cms&ext=p&cms_codsec=12&cms_codcms=965


OpenEdition vi suggerisce di citare questo post nel modo seguente:
Antonello Fabio Caterino (4 Maggio 2018). Congresso ADI (Associazione degli Italianisti) 2018: tre panel connessi al gruppo di studi. Eterodossie e dissenso nella letteratura italiana. Recuperato il 15 Luglio 2024 da https://doi.org/10.58079/noaf


Pubblicato da

Antonello Fabio Caterino

Mi chiamo Antonello Fabio Caterino, sono un docente universitario, filologo, linguista, public historian, digital humanist ed esperto di retorica e interpretazione dei testi. Ho ricoperto diversi incarichi di ricerca presso prestigiosi istituti e italiani. Sono fondatore e direttore del Centro di Ricerca "Lo Stilo di Fileta", ente di ricerca riconosciuto da MIUR/CINECA e polo didattico dell'Università degli Studi eCampus. Sono tra i più giovani professori a contratto in italia nel mio settore scientifico disciplinare, nonché il più giovane direttore di rivista nell'ambito dell'italianistica.Per l'anno 2018/19 sono stato professore a contratto di filologia italiana presso l'Università degli Studi del Molise, dove tuttora svolgo attività didattica e di ricerca, come anche presso il dipartimento di Beni Culturali dell'Alma Mater - Università di Bologna. Sono laureato in lettere, specializzato in filologia moderna (Sapienza), e ho due dottorati: uno in italianistica (Université de Lausanne), uno in retorica e interpretazione del testo (Università della Calabria). Dirigo una casa editrice, Al Segno di Fileta, la più grande realtà editoriale accademica del Molise. Sono socio ordinario della Società dei Filologi della Letteratura Italiana (SFLI), presso l'Accademia della Crusca. Mi occupo, oltre che di italianistica e filologia italiana, di fortuna dell'antico nelle letterature moderne, di linguistica computazionale e informatica umanistica. Sono attivo nel mondo editoriale: sono stato direttore e fondatore presso le Edizioni Clori, con cui ho concluso ogni rapporto professionale; sono direttore di collana presso le Edizioni Ararcne e attualmente dirigo le Edizioni Al Segno di Fileta, la più grande realtà editoriale scientifica del Molise. Lavoro anche nel privato: dirigo da Società Bibliofila Molisana, che si occupa di collezionismo di edizioni antiche e rare, e il reparto Ricerca e Sviluppo di Docety SRL, dove regolare attività consulenza privata e coaching. Mi occupo anche di europrogettazione culturale, nonché di stima e certificazione di libri antichi, antiquariato e oggetti d'arte (per cui sono perito antiquario presso la Camera di Commercio del Molise) . Sono un imprenditore attivo nel settore della formazione e della consulenza professionale. Sono socio fondatore e manager didattico di Molise Group e Emme Studio, realtà imprenditoriali molisane. Sono un fermo sostenitore della libera iniziativa e della meritocrazia: credo fermamente - e il mio curriculum lo dimostra - che pubblico e privato debbano collaborare per ottenere reciproci miglioramenti, specie nel settore umanistico.

Un commento su “Congresso ADI (Associazione degli Italianisti) 2018: tre panel connessi al gruppo di studi.”

  1. Gentilissimi,
    Complimenti per tutto il lavoro che avete fatto finora. Mi chiamo Donfack Hycinthe Raissa. Dottoranda in letteratura italiana all’università di Dschang (Camerun). Il vostro progetto mi interessata molto e mi piacerebbe sapere se è possibile far parte dell’associazione per poter favorire l’interazione e gli scambi fra italianisti.
    Distincti saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search