Interessi di ricerca, obiettivi e desiderata

Il concetto di dissenso che si vorrebbe approfondire è duplice: da una parte si vuol focalizzare su personaggi in parte già noti per le loro irregolarità, dall’altra si vorrebbero offrire punti di vista innovativi, interdisciplinari e in questo ‘eterodossi’ su aspetti invece canonici e a prima vista regolari della tradizione letteraria. Il dissenso, poi, per noi è anche una questione di approccio al problema storico-letterario, di metodo: approcci multidisciplinari e multidisciplinari, che sappiano abbattere i muri dell’isolamento disciplinare sono per noi una forma attiva e assai fruttuosa di dissenso. È infine importante, sempre a nostro avviso, provare a superare la falsa dicotomia ortodossia-eterodossia, la quale rischia di appiattire definitivamente ogni risultato della ricerca, collocando da una parte tutto ciò che è canonico e considerandolo pedante e/o manierista, dall’altra tutto ciò che è irregolare, considerandolo un semplice capriccio retorico-stilistico.

Segue una lista non esaustiva di interessi dell’attuale gruppo:

  • Petrarchismi non canonici: contaminazioni epiche, elegiache e parodiche
  • La descriptio pueri come pendant omoerotico della descriptio puellae
  • Letteratura e potere: espressioni performative contra imperium
  • L’oscenità come espressione di dissenso
  • La critica all’anticonformismo come conformismo mal celato
  • Letteratura e fallimento: storia degli aborti e dei tentativi non riusciti
  • La damnatio memoriae tra fascismo e antifascismo
  • Eversione prosodica: quando il dissenso è metrico
  • Dissenso musicale: quando la letteratura non basta.
  • Approcci di studio eterodossi e multidisciplinari: le digital humanities
  • Strumenti di dissenso e della propaganda anticlericale: la stampa popolare e la Riforma protestante
  • Retorica e dissenso nel Novecento
  • Dissenso metodologico: nuove frontiere ermeneutiche
  • Dissenso “quantitativo”: quando studi umanistici e scientifici si alleano invece di edificare barriere (es. digital humanities).
  • Il rifiuto dei generi letterari dominanti come forma di dissenso
  • La letteratura come forma e strumento di espressione del dissenso politico
  • Volti del simbolismo: il dissenso celato
  • L’editoria tra consenso e dissenso
  • Il dissenso e le riviste letterarie
  • Critica letteraria e critici letterari del dissenso
  • Il dissenso della letteratura nei confronti della società dei consumi
  • Letteratura polemica e di invettiva
  • La canonizzazione/normalizzazione del dissenso
  • Il dissenso represso: censure e autocensure
  • Lo strumento linguistico come arma di dissenso ideologico: il plurilinguismo come arma di dissenso
  • Le scritture autobiografiche femminili come espressioni del sé al di fuori del canone roussoniano
  • La rottura degli stereotipi di genere nella letteratura a tematica omosessuale tra autobiografia, poesia, romanzo
  • Le riviste del movimento di liberazione omosessuale italiano, strumento di dissenso politico e culturale: ricognizione e analisi.
  • L’informatica umanistica come dissenso metodologico e critica all’isolamento disciplinare, oltre che del relativo municipalismo accademico
  • Classicismi plurali – e fortune multiple del classico – come eversione del canone
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search